<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Stampa 3D Stampa 3D al servizio del design, con Formlabs e Alice Barki

Stampa 3D al servizio del design, con Formlabs e Alice Barki

Alice Barki è una docente di Product e Interior Design in tre Università milanesi e designer con uno Studio a Milano e uno a Venezia che crede che i progetti debbano nascere dall’attenta osservazione del mondo circostante: dal 2021 collabora con Bilcotech, partner Formlabs in Italia, per realizzare progetti di design che sfruttino al massimo le caratteristiche uniche delle stampanti a tecnologia SLA dell’azienda americana.

Hoth è una maschera da snowboard creata per essere realizzata con la stampante Formlabs Form 3. Un progetto, pertanto, ideato appositamente per essere concretizzato tramite la manifattura additiva. Questo ha contribuito in maniera fondamentale alla creazione di un design unico, non ottenibile attraverso altre strade.

Ciò che rende unica questa maschera da snowboard è l’intralattice, ovvero la struttura collocata nelle parti più spesse dell’oggetto e creata con Grasshopper, un plugin del software CAD Rhinoceros.

Alice Barki Formlabs
La maschera da snowboard Hoth

Questa caratteristica è fondamentale sia dal punto di vista estetico che strutturale; infatti, conferisce a Hoth un design unico e nello stesso tempo alleggerisce tutte quelle parti che sarebbero risultate più spesse, preservandone però la resistenza. Il fatto che possa circolare aria permette inoltre alla maschera di non appannarsi.

Le dimensioni del piano di stampa della Form 3 hanno permesso di realizzare la maschera in un unico pezzo, solo le fibbie sono state stampate a parte, sempre però con la stessa resina e la stessa stampante.

Alice Barki Formlabs
Il fascino delle leggi della fisica: Kìnisi

Il progetto Kìnisi è uno studio di ingegnerizzazione e movimento cinetico, si ispira a un bombo e la sua peculiarità è di creare un modello cinetico. È composto da 23 componenti, tutti stampanti con la resina di Formlabs Grey Pro, caratterizzata da una qualità superficiale superiore e dalla resistenza all’usura, e la stampante Form 3.

La rotazione, impartita dal motore elettrico sul primo ingranaggio a vite senza fine, viene convogliata sugli altri due ingranaggi. Un meccanismo di rotazione fa poi alzare e abbassare “le ali”.

Alice Barki Formlabs
Trottola Sevivon stampata con la Form 3

Sevivon, realizzata con la stampante Form 3 e la Castable Wax Resin, la cui caratteristica è la microfusione, è una trottola dalle linee speciali e sinuose che incantano l’osservatore.

A partire da questo modello realizzato con la stampa 3D, Alice Barki ha realizzato una trottola microfusa in ottone: un oggetto dal baricentro perfetto che ha la possibilità di ruotare.

Nel mio lavoro con le stampanti 3D mi piace studiare degli oggetti che coniughino un design unico e visivamente interessante con le potenzialità che solo la manifattura additiva può offrire. Sono molto contenta di poter sperimentare e sfruttare le funzionalità delle stampanti con tecnologia SLA di Formlabs, poiché uniscono la semplicità di utilizzo con una gamma molto ampia di materiali e il continuo aggiornamento sia del software Preform che delle stampanti stesse. Il tutto con un ottimo rapporto qualità/prezzo”, ha affermato Alice Barki.

Alice Barki Formlabs
Trottola Sevivon microfusa in ottone

La stampa 3D sta aprendo nuove strade in molti settori e la manifattura additiva è uno di questi: grazie alle nostre soluzioni è per i designer sempre più facile creare oggetti personalizzati per rispondere alle esigenze dell’utente finale, ma anche esplorare nuove forme ed espandere le leggi della fisica. Siamo stupiti dai progetti realizzati da Alice Barki nell’ultimo anno e mezzo e orgogliosi di poterla annoverare fra i nostri ambassador. Non vediamo l’ora di scoprire cosa realizzerà in futuro”, ha aggiunto Marco Zappia, Channel Sales Manager per l’Italia di Formlabs.

Quando abbiamo visto le creazioni di Alice Barki ci siamo subito resi conto delle potenzialità offerte dall’incontro fra il suo stile di design e la stampa 3D. Questa collaborazione ci ha dato modo non solo di mostrare le peculiarità della tecnologia, ma anche di scoprire nuove forme e modalità in cui la manifattura additiva può concretizzarsi. Siamo convinti che oggi la stampa 3D sia, oltre che uno strumento di prototipazione, anche e soprattutto una via per produrre collezioni limitate e creazioni personalizzate”, ha affermato Francesco Colonna, titolare di Bilcotech S.r.l.s.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php