<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Industria 4.0 Leuze: il 2022 sarà l'anno dell'industria sicura e digitalizzata

Leuze: il 2022 sarà l’anno dell’industria sicura e digitalizzata

Antonio Belletti, amministratore delegato di Leuze Italia, prevede un 2022 in ripresa per le industrie di riferimento.

Leuze è fornitore di sensori di commutazione e di misura, sistemi di identificazione, soluzioni per la trasmissione dati e l’elaborazione di immagini e componenti, formazione, servizi e soluzioni di sicurezza in ambito produttivo.

L’amministratore delegato di Leuze Italia, Antonio Belletti, ammette in una nota che “nel 2020 abbiamo subito il contraccolpo della pandemia e del lockdown, ma l’abbiamo subito in modo significativamente minore rispetto alla contrazione generale del mercato, grazie alla nostra organizzazione, grazie alla capacità di mantenere attive ed efficienti tutte le procedure anche da remoto e grazie all’avanguardia tecnologica della nostra offerta”.

E nel 2021 Leuze la strategia di affiancamento delle consociate nazionali da parte della capogruppo “ci ha permesso di proporre al mercato non soltanto innovazioni di prodotto ma anche soluzioni che i system integrator possono, insieme alla nostra esperienza applicativa, adottare per i clienti finali. I settori che hanno fatto da motore trainante per Leuze Italia sono stati la sicurezza e la sensoristica di fine linea”.

Nel 2021 Leuze ha registrato interesse del mercato per la sua sensoristica digitale e la sicurezza a bordo macchina.

“Abbiamo avviato un approccio di mercato innovativo nel corso di quest’anno. Sulla base dei nostri prodotti sviluppiamo soluzioni integrate che offrono al cliente finale non soltanto la qualità della singola componente ma la coerenza ingegneristica di una soluzione adeguata ai singoli casi applicativi. I nostri interlocutori principali sono ovviamente i tanti system integrator che da quest’anno possono contare anche sull’esperienza dei nostri tecnici ed ingegneri specialisti”.

Soluzioni in crescita nonostante lo shortage

Il 2021 ha rappresentato per Leuze un punto alto che Belletti intende replicare nel 2022. “L’intero Gruppo Leuze – dice nella nota – si è trasformato ed ha rafforzato le sue posizioni. Per citare qualche accadimento dell’anno è stata completata la transizione verso Sap ed è stata acquisita un’impresa in Repubblica Ceca che si occupa di solution engineering a livello globale. Siamo noti per essere un’azienda di prossimità rispetto alla clientela. Lavoriamo a stretto contatto con i nostri clienti anche in situazioni particolari come l’attuale crisi dovuta al chip shortage. La critica situazione è generale ma crediamo che il dialogo e la vicinanza alla clientela possa aiutare. Non ci nascondiamo e insieme alla clientela cerchiamo la migliore soluzione possibile”.

La crescita a due cifre del business in Italia è stata soddisfacente e molto si deve a prodotti e soluzioni di vera eccellenza come la sensoristica per il mondo del packaging, specificamente delle etichette, GSX e i sensori di contrasto adattativo DRT 25.

ll sensore combinato a forcella GSX di Leuze accoppia i vantaggi delle fotocellule e degli ultrasuoni. Il dispositivo è particolarmente adatto per le etichettatrici utilizzate nel settore del packaging. Leuze può vantare il primato dell’invenzione non solo della prima forcella per etichette (GS05), ma ha anche sviluppato la prima forcella ad ultrasuoni (GSU14). Con la nuova serie GSX, Leuze completa la sua gamma di prodotti per sensori a forcella aggiungendo un modello combinato che può fare entrambe le cose: luce e ultrasuoni. In questo modo unisce i vantaggi delle varianti ottiche con quelli delle soluzioni ad ultrasuoni, e si adatta al meglio alle etichettatrici utilizzate nel settore del packaging.

Leuze

Con i sensori di contrasto adattativi DRT 25C Leuze ha sviluppato una tecnologia completamente nuova: la Contrast Adaptive Teach Technology (CAT). L’idea di base è semplice: l’oggetto target del sensore può cambiare in qualsiasi momento. Il DRT 25C funziona quindi facendo riferimento alla superficie o all’ambiente di un oggetto anziché all’oggetto stesso.

Nel packaging ad esempio l’ambiente è il nastro trasportatore. Questo serve da riferimento per il sensore. Una volta che il sensore ha appreso le informazioni di contrasto del nastro trasportatore, deve solo essere sufficientemente smart da adattare questa conoscenza a un possibile cambiamento di ambiente. 

Per Antonio Belletti nel 2022 il business di Leuze si svilupperà ulteriormente.

“Registriamo un andamento sostenuto della domanda – dice sempre nella nota – e ovviamente dobbiamo adoperarci per mantenerla costante su questi livelli. Puntiamo molto sul completamento della nostra offerta attraverso le soluzioni e proprio per questo abbiamo in animo investimenti in risorse aggiuntive. I settori che ne beneficeranno sono i nostri settori d’elezione, l’intralogistica, il packaging, il manifatturiero con una particolare attenzione all’automotive. L’intralogistica in particolare vive uno sviluppo davvero intenso, in parte dovuto anche alla pandemia. La crisi sanitaria ha modificato le dinamiche di acquisto finale in quel mercato e proprio quel settore si deve ulteriormente attrezzare per rispondere alle esigenze del subito, a costi bassi e ad alta qualità”.

In questo quadro Leuze ha abbiamo presentato al recente Mecspe il nuovo sistema di posizionamento ottico con integrate funzionalità Safety FBPS, prodotto innovativo dove le caratteristiche di sicurezza si uniscono a quelle della velocità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php